RICICLAGGIO MATERIALI INERTI

Le problematiche ambientali legate alle enormi quantità di rifiuti prodotte ogni anno, impongono di cercare soluzioni innovative per lo smaltimento corretto e il recupero di materiali riciclabili. Il nostro impegno in tal senso è massimo: i continui investimenti sul campo e la rigorosa gestione con cui operiamo nel pieno rispetto delle normative in materia, ci permettono di gestire al meglio i materiali inerti e allo stesso tempo contenere l’impatto ambientale.

Riceviamo e lavoriamo tutti i materiali di rifiuto o scarto prodotti nelle diverse fasi del processo edilizio, come quelli che provengono da attività di costruzione e demolizione (laterizi, piastrelle, intonaci, componenti strutturali prefabbricati, manufatti in cls, ecc.) e quelli che arrivano da attività estrattive, ad esempio i residui di lavorazioni di rocce di cava.

Di tutta questa tipologia di rifiuti, trattiamo esclusivamente i materiali inerti che non producono effetti negativi sull’ambiente, perché non inquinanti né nocivi. In alternativa ai materiali tradizionali di cava, impieghiamo anche i detriti che provengono dalle demolizioni dei manufatti edilizi.

Le varie fasi di riqualificazione dei materiali, per essere poi avviati al reimpiego, richiedono una tecnologia evoluta, controllata in modo automatico dal nostro impianto.

Cosa significa riciclare i rifiuti inerti?

  • Ridurre il prelievo indiscriminato di inerti naturali da attività estrattive, con conseguente preservazione e ottimizzazione dello sfruttamento dei giacimenti esistenti.
  • Creare materiali sostitutivi alle materie prime (sabbia e ghiaia) restituendo e valorizzando le caratteristiche residue dell’elemento.

Evitare il conferimento dei rifiuti in discariche quand’è possibile, consentendo un abbassamento dei costi di smaltimento.